Attendere prego...
Home page Chi siamo Immersioni Partners Itinerari Video Contattaci
spacer
Itinerari collegati

CASTELLO DI BAIA

Domina il golfo di pozzuoli in posizione strategica .
Appare stravolto architettonicamente più volte nel corso dei secoli,gli interventi  più importanti fra i quali vanno ricordati quelle operati da Don Pedro Alvarez de Toledo ,Don Emanuele Fonseca e Ferdinando IV.
Rappresentava un limite insormontabile per chiunque avesse tentato di sbarcare lungo quelle coste .Appare infatti un castello per difendere la costra flegrea dalle incursioni saracene
Fu danneggiato nel 1538 in seguito ad una terribile eruzione che nel corso di una sola notte diede origine al cratere di monte Nuovo .
La ristrutturazione si deve al vicerè Don Pedro Alvarez de Toledo e il castello divenne una struttura difensiva contro le invasioni corsare.
Il castello di Baia non fu solo una struttura militare ma rappresentò anche luogo di incontri politici e mondani .
Fu luogo di velenose sentenze di condanna e nel 1800 fu il luogo di vancanza di garibaldi.
In seguito alla grande guerra il castello assunse la funzione di orfanotrofio ospitando i figli dei caduti in guerra .

MUSEO

È stato inaugurato nel 1993 nella torre di nord ovest risalente al primitivo nucleo aragonese .
L’esposizione museale si divide in tre settori :la sala di “calchi di gesso di Baia” è relativo alla mostra di circa 60 frammenti d’epoca romana che riproducono dei capolavori del periodo classico ed ellenistico dell’arte greca . gli altri due sono nella torre detta Tenaglia in cui sono esposti 11 cippi marmorei rinvenuti nel Sacello degli Augustali di Miseno.
Al primo livello si ammira la ricostruzione della facciata del Sacello degli Augustali con statue pertinenti alla gens flavia.
Al piano superiore è collocata la ricostruzione dell’imperatore Claudio.

TEMPIO DI SERAPIDE

Il “MACELLUM”oggi conosciuto come Serapeo o impropriamente come tempio di  Serapide per il rinvenimento della statua di Giove serapide,divinità egizia.
Il manufatto viene fatto risalire all’età flavia ,anche se sono presenti successivi e ripetuti restauri.
Il macellum era rifinito con rarissimi marmi e stupendi mosaici con l’abside a semicupola ,sotto la quale era custodita la statua di Serapis venendo a costituire un vero e proprio santuario in adorazione delle divinità .
Il Serapeo deve la sua notorietà al fenomeno del bradisismo flegreo perché dalle colonne corinzie di cipollino la performazione dei litodomi (molluschi)ci dà l’esatta misura del livello di sommersione dell’edificio nel mare.

RIONE TERRA

Nella storia di pozzuoli occupa un posto molto importante perché è stata la base dei primi antichi insediamentidi Dicearchia ma anche della colonia romana di puteoli . Oltre che il cuore della città per anni ne è stato la fortezza.

SOLFATARA

Fra i monti che i romani chiamavano Leucogei vi è anche il monte della solfatara ,forum vulcani,secondo Strabone.
L’ultima eruzione della solfatara risale al 1198 ,attualmente è in attività solfatarica con emissioni gassose che contengono vapore acqueo ,zolfo e solfuri.





Info: Contattaci
Italiano English Deutsch Espanol

Area di amministrazione